Posizionamento Organico - Naturale

16 gennaio 2010 – 21:40

Si intende per posizionamento organico, l’indicizzazione del sito internet sui motori di ricerca,  quali Google, Bing, Yahoo ecc.
Questi motori premiano i siti internet che contengono informazioni reali, attinenti alla ricerca, oggi, molte angenzie web promettono posizionamenti, solo che poche sanno sviluppare un lavoro perfetto al 100%.  La maggior parte di queste si limita agli scambi link, al fine di creare una link popularity forzata, ma il crawler appena percepisce questo inganno, penalizzera’ il sito internet che emette il link e a breve anche il quello ricevente. Per questo che una indicizzazione deve essere fatta in maniera trasparente senza inganni. In questa maniera non si incorrera mai spiacevoli sorprese. Da anni studiamo i vari motori al fine di otterere sempre risultati eccellenti per i nostri clienti. Siamo specializzati nella otimizzazione di siti web, piattafotme CMS ed e-commerce.

Share on Facebook

Caffeine, il nuovo algoritmo di Google

7 dicembre 2009 – 01:44

Indubbiamente Google e’ sinonimo di velocità nella risposta ai milioni di richieste che tutti i secondi intasano la rete.
Crome di fatti è il Browser piu’ veloce di tutti attualmente in essere e anche quello che interagisce in maniera migliore con l’utente finale, ho scritto precedentemente un post su di un mio presentimento in merito.
Il nuovo algoritmo di Google  Caffeine,  eliminerà sicuramente molti risultati “insipidi” o “forzati”.
Verranno premiati i siti dai contenuti veri, con informazioni veloci e pieni di news aggiornate.
In poche parole i più veloci saranno preferiti nel ranking di Google.
_________________________________________________________________
Rimini Web Network web agency SEO/SEM posizionamento motori di ricerca

Share on Facebook

Google Hot Trends

6 dicembre 2009 – 20:08

Ecco come il “gigante” Google calcolerà le nuove query di ricerca

Hot Trends in grado di visualizzare alcune informazioni utili come la popolarità della query di ricerca o il trend di crescita dell’interrogazione.
Attualmente e’ disponibile in America e Giappone, questo sarà il nuovo sistema che Google userà per combattere la concorrenza dei motori di ricerca.
Sembrerebbe che verranno calcolate soltanto un centinaio di query, praticamente le più ricercate quindi una nullità rispetto alle migliaia e migliaia di ricerche effettuate attualmente dai navigatori.
Verranno sempre più prese informazioni dai
Blog e da news.
Il
posizionamento nei motori di ricerca,  sarà sempre più difficile,  bisognerà calcolare sempre di più il contenuto selle SERP e cercare di dare sempre più informazioni appetibili allo Spider

Share on Facebook

Google…. riflessioni

28 novembre 2009 – 01:43

Purtroppo ho sempre meno tempo per dedicarmi al mio blog, vorrei scrivere tante cose, ma non ho abbastanza ore  per farlo.
Ho notato dalla fine di Agosto che  Google valuta i risultati in maniera diversa.

Ultimamente poi non ne parliamo,  gia da alcune sere verso le 21 su alcuni data center i risultati dei posizionamenti sono in continuo aggiornamento, questo succede per circa 10/15 minuti al massimo, poi tornano (normali)
Questo succede solo con Crome, mentre se lo stesso data center lo guardo con Firefox oppure Safari quanto Internet Explorer, tutto rimane invariato.
Forse  il nuovo algoritmo ragiona diversamente con Crome?
Oppure Google sta’ usando Crome per cercare di interagire con l’utente finale?

Di sicuro le Query sono sempre piu’ affini.
Questo portera’ un po’ di scompiglio nel web,  sicuramente tutti quelli che fanno (bombing) verranno penalizzati,  sopratutto chi e’ alla riceradi un  Link Popularity (forzato)  un po come e’ successo nel 2004 con la penalizzazione di BEACKLINK da siti non a tema,
cioe’  abbiamo visto sparire siti forti,  posizionati da mesi o anni su delle chiavi importanti.

Share on Facebook

Malware

22 ottobre 2009 – 15:52

I Malware (codici dannosi) sono ormai in continua diffusione.
Essere infettato da un Malware e’ semplicissimo, non si tratta di un virus che ti arriva per posta  o programmi da installare.
I Malware, non sono altro che stringhe inserite all’interno di un sito internet, e quando un utente ci finisce sopra, questi ti danneggiano letteralmente il computer.
Questi codici, possono essere nascosti anche all’interno di una immagine, la cosa piu’ grave, che li possiamo trovare in qualsiasi sito internet, non per forza in siti particolari che trattino pornografia o su altre fascie Borderline.
Il Malware generalmente si autoriproduce, e se veniamo contagiati da una di queste stringhe, automaticamente contagiamo tutti i file all’interno del nostro PC.
Per assurdo se editiamo con un banalissimo FTP qualsiasi File, non facciamo altro che espandere il Malware nella rete, all’interno dei siti che abbiamo editato….. automaticamente chiunque vada a visitare quel sito verra’ contaggiato.

La raccomandazione a tal proposito e’ quella di tenere sempre aggiornato l’antivirus, e di fare piu’ copie di Backup possibili.

Strumenti messi a disposizione dalla Microsoft per la rimozione dei Malware (clicca qui)

Share on Facebook

BING vs GOOGLE oppure GOOGLE vs BING?

14 settembre 2009 – 18:27

Nonostante Google conservi ancora il monopolio delle ricerche online, oramai è in atto una vera e propria guerra tra i motori di ricerca per quanto riguarda la gestione dell’informazione online.
Con questo intendiamo non solo la possibilità di sottoporre una ‘query’ (interrogazioni all’archivio) online e ricevere le risposte relative, ma tutta la gamma dei servizi informativi:email, itinerari stradali, mappe satellitari non solo della Terra e gestione online di documenti.

Il 3 giugno è stato lanciato da Microsoft il nuovo motore di ricerca che ha sostituito il vecchio ‘live-msn’) e prontamente scelto anche da Yahoo per le proprie ricerche.
In Italia è ancora in versione Beta, ma in America è possibile utilizzare già la versione definitiva.

Di seguito una valutazione e una comparazione delle caratteristiche dei due motori di ricerca che si contendono le scelte dei navigatori: Google e Bing.

RICERCHE

Google ‘ragiona’ tenendo conto di diversi fattori: i collegamenti tramite link, il numero di visitatori della pagina, il numero di volte che quella determinata keywords è presente nel testo.

Per Bing invece è importante la programmazione e quindi, in teoria la ricerca è più pulita.

MAPPE

Google permette agli utenti di di visualizzare immagini di itinerari da Google Earth con le sue immagini satellitari e attraverso il nuovo sistema Street View che consente di vedere le vie di una città dal punto di vista del pedone.

Bing offre Virtual Earth, sistema analogo a quello di Google consente però di avere una qualità di immagini molto superiore a quelle satellitari nel momento in cui si zoomma in avanti.

VIDEO

Google può offrire ai propri utenti dal 2006 Youtube, che oltre alla ricerca e alla visualizzazione de video offre la possibilità di gestire un proprio canale, con un filtro per tutti i contenuti offensivi, erotici o pornografici che vengono eliminati (in teoria) automaticamente dalla ricerca.

Bing per ora offre solamente la funzione di ricerca, le altre sono ancora in fase di sviluppo.

SPAZIO WEB

Google offre 7 gigabyte di spazio gratuito per la gestione di email contatti foto, ecc. Bing invece nel offre con il suo disco virtuale Skydrive addirittura 25 gigabyte.

TRADUZIONI

Sia Google che Bing hanno un sistema in grado di tradurre le pagine web quando non si conosce la lingua. Ma ad oggi Google è molto più preciso sulle frasi complesse.

PROGRAMMI

“Cloud computing” è il sistema di Google in grado di dare gratuitamente un pacchetto di programmi sulla falsariga del pacchetto Office (per cui Word, Excel, Power Point…) per intervenire sui propri documenti, scaricabili anche sul proprio pc. Bing invece offre solo la possibilità di un intervento online non ancora del tutto operativa.

___________________________________________
posizionamento motori di ricerca

Share on Facebook

Office sui cellulari

13 agosto 2009 – 13:11

Microsoft lancerà una nuova versione di Office l’anno prossimo, che sarà disponibile on-line e permetterà agli utenti di utilizzare i vari Word, Excel, PowerPoint, ma anche i programmi di chat, attraverso i portatili Nokia, inizialmente quelli della «E-series».
È la prima volta che le applicazioni Microsoft saranno installabili su una piattaforma completamente diversa: finora il loro utilizzo su telefonino era limitato a quella Microsoft Office Mobile. «Vista la natura dell’alleanza, rivolta in particolare agli utenti business - ha commentato il presidente della divisione business di Microsoft, Stephen Elop - credo che forse chi si deve preoccupare di più sia la Research in Motion»: appunto il produttore del Blackberry. Ma anche Google, che già offre versioni on-line gratuite di programmi di scrittura, agenda elettronica e posta, si troverà ora di fronte un concorrente più agguerrito.
Una concorrenza tanto più forte in un mercato che continua a soffrire le conseguenze della recessione, ma che offre prospettive di crescita. Se le vendite di cellulari si sono contratte di un altro 6,1% nel secondo trimestre 2009, secondo i dati Gartner, gli smartphone continuano a rappresentare una nicchia in controtendenza, con una incremento del 27 per cento.

Fonte: ilgiornale.it

Share on Facebook

Google ha aggiunto 2 importanti funzioni

13 agosto 2009 – 13:02

Google ha introdotto all’interno del suo sistema due funzioni  per migliorare la user experience dei netizen che si affidano al suo search engine.

La prima suggerisce agli utenti una serie di chiavi di ricerca per rendere più raffinate le richieste inserite nelle query.

La seconda interessa il supporto ai link che vengono indicati nelle pagine dei risultati, i cosiddetti snippets (frammenti ed esempi di codice sorgente in uno o più linguaggi di programmazione, di norma rilasciati al pubblico dominio o come freeware.)
Praticamente si tende ad allungare a 2 riche il contenuto delle informazioni presenti nello snippets

Share on Facebook

Pulse Rank

21 luglio 2009 – 12:23

Pulse Rank sostituirà Page Rank ?
Questa e’ la domanda che molti SEO - Search Engine Optimization, (persone addette ai lavori) si chiedono da diversi mesi a questa parte.
Pulse Rank  (rango a impulsi)  e’ un  algoritmo come il “Page Rank ma calcolato in tempo reale”.
Mentre il Page Rank ha bisogno di diversi mesi per essere aggiornato, o meglio Google tende ad ingannare molto i SEO, dando risultati inesatti in primis per poi correggerli successivamente, questo per cercare di equilibrare molto il mercato del web.
La nostra Web Agency SEO/SEM specializzata in soluzioni di web marketing, presente sul mercato dal 1998 garantisce ai suoi clienti la massima espressione del web e lo sviluppo di qualsiasi piattaforma internet a 360°.

Share on Facebook

Posizionamento Organico

2 luglio 2009 – 13:11

Il posizionamento Organico (o naturale) rispetto al Pay per Click permette di avere dei benefici a lungo nel tempo: le posizioni possono oscillare sui motori di ricerca, ma si rimane sempre ben posizionati.  Logicamente occorre essere seguiti dal SEO (colui che si occupa di posizionamento sui motori di ricerca).
Recenti studi hanno evidenziato che i navigatori cliccano con maggiore propensione sui risultati organici rispetto a quelli a pagamento (PPC = pay per click ).
Per avere un buon  posizionamento organico serve molto più tempo rispetto a una campagna pay per click, quest’ultima produce infatti risultati molto più velocemente:  in pochi minuti si può essere su Google, Yahoo…
Un buon posizionamento sui motori di ricerca lo si ottiene con il tempo, la trasparenza ed un ottimo lavoro di web writing.
Il posizionamento organico però dura molto più a lungo, a differenza del PPC che finisce quando si esaurisce il budget stabilito.
Per un buon posizionamento organico servono siti accessibili ai motori di ricerca, una struttura ottimizzata, dei buoni contenuti, una crescita costante e coerente della link popularity, il pieno rispetto delle linee guida dei motori di ricerca.
A volte con il posizionamento organico è difficile indirizzare gli utenti direttamente su delle pagine specifiche, a differenza del PPC, una landing page per presentare un nuovo servizio, un prodotto, un evento dovrà essere fatta con largo anticipo: avrà però il vantaggio di restare per molto tempo nei motori di ricerca.

Share on Facebook